La nuova legge regionale sul turismo è una risposta concreta alle esigenze di imprese e operatori

 La nuova legge regionale sul turismo è una risposta concreta alle esigenze di imprese e operatori

Esprimo tutta la mia soddisfazione per l’approvazione avvenuta oggi in Consiglio Regionale della nuova legge regionale sul turismo, che modifica e attualizza il precedente testo del 2007.

Si tratta di un atto che rappresenta una risposta efficace e concreta per tutto il comparto turistico regionale, dopo le gravissime difficoltà causate dalla pandemia e alla luce delle esigenze avanzate dagli operatori e dalle imprese del settore. 

Il provvedimento odierno istituisce la costituzione degli ambiti turistici di destinazione, le associazioni proloco, l’Osservatorio regionale del turismo, lo sviluppo ed il consolidamento del brand e dell’immagine del sistema turistico regionale e lo sviluppo della formazione in materia turistica.

Altro elemento di particolare rilievo che viene introdotto con la nuova legge è la ripartizione delle funzioni in materia di turismo tra i Comuni, Roma capitale e Regione Lazio, sopprimendo l’Agenzia regionale del Turismo e istituendo una Direzione regionale competente in materia.

Da sottolineare, infine, le significative modifiche con le quali si attribuiscono le attività amministrative ai Comuni in relazione alle agenzie di viaggio e agli stabilimenti balneari. Con questa legge la Regione Lazio valorizza il comparto turistico e si dota di una normativa che da una parte semplifica tutta una serie di iter amministrativi e dall’altra, decentrando le funzioni agli Enti locali, renderà più funzionali e rapidi i processi decisionali a favore degli operatori turistici e delle imprese del settore.