SUBITO AL SENATO LA LEGGE CONTRO L’OMOFOBIA

Non esiste modo migliore di onorare la giornata mondiale contro l'omofobia e la transfobia che sbloccare il prima possibile l'iter della legge che è ferma in Senato dal 2013. Quattro anni di grave ritardo. Quella legge, già approvata dalla Camera, rappresenta un altro step importante nel percorso dei diritti civili, che l'anno scorso si è arricchito di un provvedimento importante come quello sul riconoscimento delle unioni civili. Nessuno può essere discriminato per il proprio orientamento sessuale. È doveroso, quindi, portare la norma per il contrasto dell'omofobia all'attenzione dell'aula di palazzo Madama il prima possibile: questa legge può aiutare significativamente il contrasto di atteggiamenti e azioni deprecabili che oggi si manifestano in diverse forme di violenza sia verbale che fisica.