IN MORTE DI FIDEL CASTRO

E' difficile dire ai giovani di oggi che cosa abbia significato la rivoluzione cubana per la mia generazione. Un sogno di libertà per i popoli oppressi, la realizzazione, a due passi dalla Florida, di uno stato socialista, un faro per i comunisti dell'America e dell'Europa. Una rivoluzione con non pochi lati oscuri. Crescendo, allontanandoci dal mito e dall'ubriacatura ideologica, ne abbiamo visti i limiti: una società orgogliosa ma povera, con dissidenti politici ed omosessuali perseguitati.

La morte di Fidel Castro chiude un ciclo storico. Si apre ora un futuro tutto da costruire. Le mie condoglianze al popolo cubano per la perdita di Fidel Castro ed i miei migliori auguri per la sfida che è all'orizzonte: la costruzione di uno stato nuovo, solidale ma libero, in cui i diritti individuali trovino lo spazio che meritano accanto alla solidarietà sociale.