In Tagikistan per la democrazia

Il primo marzo sarò in Tagikistan con l’Osce per la missione di monitoraggio delle elezioni parlamentari.  Per me si tratta di un appuntamento speciale,  per questa missione sono stata nominata, dal presidente di turno dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, Ivica Dacic, coordinatrice speciale. In questa occasione l'Osce sarà presente in Tagikistan con più di 150 osservatori. Le elezioni parlamentari in Tagikistan rappresentano un banco di prova importante per la democrazia di questo Paese dopo le consultazioni presidenziali che si sono tenute nel 2013: in quell'occasione l'Osce ha sollevato diverse questioni rispetto alla democraticità del processo elettorale. Mi auguro che la campagna elettorale e le lezioni si svolgano regolarmente, dando ai cittadini del Tagikistan la possibilità di esprimere liberamente il proprio voto.