Giustizia, Tidei-Ferranti (Pd): Colmare carenza organico tribunale Civitavecchia

Adottare le misure necessarie per colmare la carenza di organico nel tribunale di Civitavecchia, al fine di garantire
l’efficacia e la sostenibilità del servizio giustizia sul territorio.

E' quanto chiedono la deputata del Pd, Marietta Tidei e la presidente della Commissione Giustizia, Donatella Ferranti, in un'interrogazione al ministro della Giustizia, Andrea Orlando.

"Gli uffici giudiziari della città di Civitavecchia - spiegano - versano in condizioni di gravissima difficoltà a causa di una endemica carenza di organico del tutto inadeguata al carico di lavoro".

"La carenza di organico presso il tribunale -proseguono - è pari a poco più del 7%, essendo presenti 56 unità su un organico di 60 unità complessive. Tuttavia, anche se fosse rispettato l'organico previsto, il rapporto tra personale
amministrativo e magistrati risulterebbe comunque il più basso di tutto il distretto della Corte di Appello". "Da alcuni dati emergerebbe che il rapporto tra personale amministrativo e magistrati, con riferimento agli uffici giudiziari di Civitavecchia è estremamente basso".

"Il tribunale di Civitavecchia - sottolineano - come confermano le statistiche in possesso del ministero della Giustizia è
per mole di lavoro un importante tribunale e le stesse problematiche si riscontrano presso la procura della Repubblica di Civitavecchia: a fronte di 34 unità previste nella pianta organica se ne contano al momento solo 19. In particolare, va segnalata l’assenza di un direttore amministrativo: laddove, sempre nella pianta organica, ne sarebbero previsti due".

"Un potenziamento di organico riferito ad entrambi gli uffici giudiziari di Civitavecchia - concludono - migliorerebbe sensibilmente l'efficienza e l'efficacia del servizio pubblico della giustizia in una città portuale dalla non trascurabile
importanza, essendo il porto Civitavecchia uno dei più importanti scali portuali di Europa".