Dismissione Istituto nazionale di documentazione per il rilancio dell’occupazione e della crescita economica

Interrogazione a risposta in commissione 12 marz0 2014

TIDEI, ORFINI, IORI, RAMPI. — Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. — Per sapere – premesso che:
-la legge 27 dicembre 2013, n. 147, «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2014) pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 302 (supplemento ordinario n. 87) il 27 dicembre 2013,

-al comma 393 dell'articolo 1 stabilisce che con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca da adottare entro dieci giorni dalla data di entrata in vigore della summenzionata legge, debbono essere individuati i beni immobili, appartenenti all'Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa, da trasferire all'Agenzia del demanio per la successiva dismissione;

-attualmente il decreto attuativo della disposizione normativa di cui al comma 393 della legge di stabilità 2014 non -è stato ancora emanato dall'Amministrazione individuata ex lege;

-la dismissione del patrimonio rientra tra gli obiettivi del Governo finalizzati al reperimento delle risorse necessarie per il rilancio dell'occupazione e della crescita economica –:

essendo trascorsi più di dieci giorni dalla data di entrata, in vigore della legge di cui in premessa, quali siano le ragioni della mancata adozione da parte del Ministro interrogato del decreto previsto dal comma 393 dell'articolo 1 della legge n. 147 del 2013 (legge di stabilità 2014);

se non si ritenga opportuno destinare, prioritariamente, le risorse liberate dalla dismissione dei suddetti immobili al bilancio del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca. (5-01968)

Leggi qui il testo integrale