Citta’ Metropolitana: vice Marino non sia espressione Roma


La lettera-appello dei 55 sindaci dei Comuni della provincia di Roma amministrati dal Pd, sottoscritta anche dai parlamentari e dai consiglieri regionali del partito, non cada nel vuoto: il sindaco Marino e il Comune di Roma accolgano la richiesta di nominare un esponente della provincia per il ruolo di delegato del 'supersindaco'. Il vice sindaco della Città metropolitana non può essere espressione della Capitale, che indicherà già il sindaco, ma al contrario deve essere espressione di tutte le istanze e delle sensibilità che provengono dal territorio vastissimo della provincia di Roma. Mi auguro che Marino dimostri un alto senso di responsabilità e di sensibilità, decidendo di non accentrare tutto nelle mani del Comune di Roma, tradendo di fatto lo spirito e la filosofia della Città metropolitana, dove il territorio della provincia non deve diventare solo una discarica per i problemi della Capitale, ma deve concorrere insieme a Roma, e con pari
dignità, allo sviluppo di tutto il territorio.