Accogliere la Costa Concordia a Civitavecchia

Torniamo a sostenere la candidatura del porto di Civitavecchia come sede naturale per lo smaltimento della Costa Concordia. Ho inviato una nuova lettera al ministro dell'Ambiente Andrea Orlando. Quest'ultimo ha ribadito l'importanza di ospitare le operazioni in un porto italiano e, secondo noi, la vicinanza dello scalo deve essere considerata un elemento discriminante, considerato il rischio di disastro ambientale sempre dietro l'angolo.

Civitavecchia risulta quindi il porto più idoneo, ha già un fondale ed una banchina idonei per affrontare la straordinarietà del lavoro, al contrario di altri siti che necessiterebbero di lavori suppletivi, ed inoltre dista dal relitto circa 40 miglia marine, dunque una delle tratte più brevi possibili.

A Civitavecchia, inoltre, sono già disponibili ampi spazi per l'installazione del cantiere idoneo ed il comprensorio, per tradizione e professionalità, ha già le maestranze più adatte a tale opera.