Abbonamento Pendolari Autostrada Civitavecchia-Roma

Affrontare con decisione e risolvere i problemi dei pendolari che percorrono quotidianamente l'autostrada Civitavecchia-Roma significa:

- superare, relativamente al percorso Civitavecchia-Roma, il meccanismo di applicazione della riduzione tariffaria previsto, a favore di un nuovo meccanismo volto a determinare uno sconto tariffario da applicarsi su entrambe le barriere di esazione presenti nella predetta tratta;
- adottare per i pendolari un abbonamento semestrale o annuale, semplice e di maggior significato economico rispetto al sistema di sconti introdotto in base al quale difficilmente si può arrivare, come detto sopra, al tetto del 20 per cento di sconto;

- disporre apposite iniziative, insieme con Autostrade per l'Italia spa volte a prevedere una nuova qualificazione per il tratto Civitavecchia Sud-Civitavecchia Nord, che definisca tale tratto alla stregua di una tangenziale, la cui percorrenza avvenga a titolo gratuito;

- rivedere verso l'alto, l'importo di 258,23 euro relativo al pedaggio trimestrale, superato il quale si passa da una fatturazione trimestrale ad una fatturazione mensile. Posto che tale importo è invero fermo da oltre un decennio mentre nel frattempo le tariffe autostradali sono aumentate significativamente e, con la fatturazione digitale, attualmente è possibile contenere considerevolmente i costi per la produzione di fattura su supporto cartaceo;

- ottenere l'ampliamento del tetto di 50 chilometri relativo alla percorrenza autostradale nei sistemi chiusi, in quanto tale tetto appare del tutto incongruente con il concetto stesso di pendolarismo, considerato che se si pensa al tragitto percorso dai pendolari da Civitavecchia all'ingresso di Roma, i chilometri sono non meno di 70 di cui solo circa 50 su autostrada (Civitavecchia Nord-Barriera Roma Ovest), ed è evidente che gli utenti di tale percorso non possono che essere considerati pendolari a tutti gli effetti, indipendentemente dai chilometri autostradali percorsi, ciò vale per molte altre tratte che interessano il territorio nazionale.

 

 

Per leggere l'interrogazione completa al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, seguire il link